Accedi  \/ 
x
x
Registrati  \/ 
x

Search - FAQ Book Pro
Search - Education
Search - SP Page Builder
Search - EasyDiscuss
plg_search_content_improved
GoogleSiteSearch
Categorie
Cerca - Contatti
Search - Content
Cerca - Newsfeeds
Search - Dropfiles
Search - Tags
Search SEO Glossary
ICAGENDA_PLG_SEARCH

>>> Diario di viaggio astrologico

Elena

GOLD COAST, TRA AUSTRALIA E BRASILE

1 Surfers Paradise Gold CoastSurfers Paradise, Gold Coast.

 

Eccoci, infine, arrivati alla mia ultima tappa in Queensland: Gold Coast.
Come vi ho raccontato la scorsa settimana, mentre mi trovavo a Brisbane ho deciso di stravolgere i miei piani di viaggio e di spostarmi in New South Wales, altro grande stato parte dell'Australia, il più popolare di tutti (la sua capitale è Sydney...) e che si trova a sud del Queensland. Prima di farlo, però, ho deciso di fare un'ultima sosta in Queensland. Perchè? Per rendere omaggio al Brasile. Sì, al Brasile. Che c'entra il Brasile con l'Australia? Dunque...

Il mio 2017 è iniziato così:  otto giorni a Torino, un mese e mezzo a Londra, due settimane a Torino, quasi un mese e mezzo in Brasile, quasi due settimane a Torino, dopo di che Australia. Tre continenti in cinque mesi. Era previsto? No, non era affatto previsto o, meglio, il Brasile non era nei miei piani ma è successo che ho fatto una delle mie pazzie e ho deciso di andare a trovare una persona per me importante e che, dopo tanti anni in Italia, è tornata a vivere nella sua terra natia, il Nord-Est del Brasile. Sì, insomma, questioni amorose che, tra l'altro, mi hanno fatto scoprire una cultura pazzesca che amo tanto e, al tempo stesso, mi fa arrabbiare da morire ma, d'altra parte, il Brasile è notoriamente ricco di contrasti.

Ne parlerei per ore ma ora non divago e ritorno a parlare dell'Australia però sappiate che sono andata a Gold Coast solo perché mi era stato detto che ha una comunità brasiliana numerosissima e io ho letteralmente deciso di rendere omaggio al Brasile visitando questa città australiana dove per strada si sente parlare portoghese almeno quanto inglese.

Sono arrivata lì con aspettative molto basse perché mi immaginavo una città grande, moderna e bruttina. Gold Coast è grande, moderna e bruttina però il quartiere chiamato Surfers Paradise ha una spiaggia pazzesca che è una delle più famose d'Australia per il surf (uno dei motivi per cui attira tanti Brasiliani, amanti del caldo, del mare e del surf) ma, soprattutto, ha un'energia vitale e gioiosa. Sono i Brasiliani a portarla, ne sono assolutamente convinta e io rendo grazie! Finalmente un posto che io percepivo allegro!

Quindi è stato un bel saluto al Queensland? Una specie di pacificazione dopo l'ultimo periodo un po' teso? No. Perché nonostante il mio progetto di andare a mangiare la pizza e a bere una birra per movimentare un po' la mia vita estremamente solitaria delle ultime settimane, dopo mezza giornata a zonzo mi sono sentita male e sono stata un giorno sdraiata in macchina con l'emicrania, totalmente incapace di muovermi. Giuro che stare male, essere da sola e pernottare in auto è davvero poco piacevole ma non avevo nemmeno le forze di trovare un albergo quindi mi sono arresa al fatto che sarei stata in auto.

.

2 Surfers Paradise Gold CoastSurfers Paradise, Gold Coast.

Ecco, questo è uno dei tanti momenti in cui viaggiare da sola non è affatto un sogno! Ci tengo molto a raccontarlo perché mi piacerebbe decostruire il mito sempre più diffuso del “viaggiatore solitario strafigo che ha capito tutto della vita”. Il web è intasato di articoli del genere che, a mio parere, forniscono un punto di vista poco realista sulla questione o, meglio, quello che si vive durante i primi mesi in viaggio, mesi fatti di adrenalina e, forse, presunzione. Poi arriva la profondità. Se lo si vuole, ovvio.

In questi quattro anni di viaggi non avete idea di quante persone io abbia incontrato che, saputo il mio stile di vita, hanno pronunciato frasi come “beate te!”, “anche io lo farei se potessi” e via dicendo.
Le mie risposte sono sempre tre:

  1. la mia vita non è una lunga vacanza, è ben diversa da quello;
  2. se davvero lo desideri, stravolgi la tua vita e inizia a viaggiare. Oggi ci sono mille modi totalmente low cost per farlo (io mica sono milionaria!) ma sappi che devi essere pronto a rinunciare a molto, sia a livello pratico che emotivo;
  3. si tratta semplicemente di una scelta di vita, una delle tante possibili. Non ha importanza come scegli di vivere purché sia TU a sceglierlo e senza farti guidare dalla paura.

Sono stata una delle due creatrici di un grande movimento online italiano sul viaggio in solitaria al femminile, ho scritto infiniti articoli, un libro e ne sto scrivendo un altro, insomma, sono una cosiddetta “esperta” e lo sostengo. Ma lo sostengo come possibilità, possibilità di scegliere questo, come altro, se è ciò che si vuole. In sostanza, come sempre, sostengo la libertà e ricordo sempre che la si può trovare ovunque, anche in una prigione perché è prima di tutto uno spazio interiore.

Il punto, come sempre, non è quello che si fa ma come lo si fa.

Potrei concludere questo articolo così, con questa pillola di saggezza ma, visto che Gold Coast fu un omaggio al Brasile credo sia giusto chiudere con un proverbio brasiliano:

«Se la vita ti dà un limone, fanne una Caipirinha.
(Se a vida lhe der um limão, faça dele uma Caipirinha)».

3 Relax a Gold CoastRelax a Gold Coast.