Amy J. Winehouse e il club 27

AW awIl caso di Amy J. Winehouse si presta a molte considerazioni relative ai significatori astrologici del suo talento, della sua spinta autodistruttiva (manifestatasi nell'abuso di sostanze stupefacenti e alcolici) e alle cause della sua morte. Come molti altri artisti maledetti, Amy Winehouse non ha compiuto il 28° compleanno: nata il 14 Settembre 1983 alle 22:25 GDT, a Enfield, London, è mancata il 23 luglio 2011, presumibilmente tra le 10 e le 16, ora in cui la sua guardia del corpo l'ha trovata senza vita. Il fatto che sia scomparsa in giovane età - come gli altri componenti del club 27 (Jim Morrison, Jimi Hendrix, Brina Jones, Janis Joplin e Kurt Cobain) - offre l'occasione per un'analisi degli elementi che consentono di valutare il potenziale vitale di un soggetto. Nel testo consultabile a questo LINK, vengono elencati i punti del tema che possono svolgere la funzione afetica: in questo caso, tale ruolo è svolto principalmente dalla Luna, luminare del tempo in luogo afetico (Casa VII). Nel tema di nascita (FIGURA 1), sono evidenziati i luoghi afetici: la Luna, in primo luogo, poi il Sole (in Casa 5°), l'Ascendente e la Parte di Fortuna. Tra le condizioni di una vita lunga, abbiamo la presenza di relazioni forti tra i benefici e i luoghi afetici, meglio se riguardanti entrambi i luminari, che dovrebbero trovarsi preferibilmente in qualche loro dignità e in Case Angolari. Afeta (pianeta che incarna il potenziale vitale) , almuten (dominante del tema) e alcochoden (amministratore del potenziale vitale) devono essere in domicilio o esaltazione, oppure nei confini di qualche benefico o comunque in condizione di forza. Le condizioni per una vita brevissima possono essere sintetizzate nella figura astrologica dell'assedio dei malefici all'afeta, disposto in un angolo e senza dignità. L'assedio si realizza quando l'afeta riceve aspetti solo dai pianeti malefici, in condizione di forza; l'effetto si realizza immediatamente se l'afeta o i malefici occupano gli angoli, dato il rapporto tra gli angoli e il tempo presente. Tornando al tema natale, vediamo che la Luna in Capricorno, governata da Saturno, forma aspetto con il pianeta malefico nel segno e nei confini di Marte, senza ricevere alcun aspetto da un benefico. Ci sono altri elementi che compensano questa debolezza: Giove in Sagittario è in contro-parallelo all'Ascendente e - pur trattandosi di un aspetto considerato disarmonico - fornisce all'Ascendente un solido punto d'appiglio, rafforzando il potenziale vitale. Nel bilancio complessivo, però, questo contributo non è in grado di contrastare l'eccesso saturnino: il pianeta con gli anelli, oltre alla Luna, governa anche la Parte di Fortuna, a 29° Acquario ed è il secondo Maestro della triplicità d'Aria cui appartiene l'Ascendente.

Prima di procedere con l'analisi delle direzioni, delle profezioni e dei transiti che hanno accompagnato la morte della cantante, val la pena di considerare l'effetto della direzione Luna-Giove che ne ha annunciato il successo planetario: negli anni dal 2006 al 2009, la sintesi positiva offerta dalla combinazione dei due astri ha contribuito a renderla popolare e apprezzata da pubblico e critica (DIREZIONE 2007, FIGURA 2).

Chiaramente, essendo la Luna - tra gli elementi della famiglia afetica - l'astro in condizione di maggiore forza - va individuato il pianeta in grado di ricoprire il ruolo di anereta (ovvero del pianeta che interrompe il flusso vitale); perché un astro abbia tale potenziale, deve avere le caratteristiche dei malefici, ovvero qualità contrarie alla vita (quindi il secco e il freddo, in misura eccessiva). In questo caso, l'anereta è senz'altro Saturno, nell'occasione anche alcochoden data la presenza di una relazione di dominio sul luogo della Luna e di un aspetto con il luminare notturno. Essendo Saturno in debilità (nel domicilio e nei confini di un malefico, in casa cadente e senza aspetti dai benefici), non è in condizione di dare alla Luna più dei suoi anni minori (27, in questo caso; a Saturno vengono assegnati 27 anni se associato al Capricorno e 30 se all'Acquario. La loro somma, 57, corriponde agli anni maggiori del pianeta). 

Tuttavia, perché si riconoscano i tempi in cui sopraggiunge la morte, è necessario che:

1 - il tema natale offra indicazioni precise sul potenziale vitale;
2 - si realizzino direzioni tra afeta e anereta;
3 - il Maestro di Profezione (o Maestro dell'anno) sia afflitto nel tema di rivoluzione;
4 - la Rivoluzione solare e le direzioni su questa offrano delle conferme agli schemi direzionali in atto;
5 - i transiti entrino in sintonia con il tema radicale.

Procediamo con ordine, osservando in primo luogo il tema di direzione costruito per il 23 luglio 2011 (FIGURA 3 - DIREZIONE 23 LUGLIO 2011). Vediamo che Saturno di direzione, sul 29° della Vergine, cerchio rosso, è in quadratura con il 30° del Sagittario, dove cade il grado di passaggio della Luna radix; in questo modo, si realizza una delle condizioni necessarie. Il Sole di direzione (cerchio arancione), raggiunge la posizione occupata dalla congiunzione Marte-Venere, mentre Marte-Venere diretti (cerchio giallo), formano una quadratura in mundo con Saturno radix (cerchio verde). Nella tabella delle direzioni zodiacali (FIGURA 4) si può apprezzare l'aspetto per congiunzione di Marte alla posizione del Sole di nascita.

Nella tabella di profezione (FIGURA 5), vediamo l'Ascendente di profezione del compleanno 2010 (cerchio rosso), quello del 2011 (cerchio blu) e quello relativo al giorno della morte (cerchio verde). Il Maestro dell'Ascendente di profezione è il Maestro dell'anno e la sua condizione nel tema di rivoluzione va osservata con attenzione, per comprendere il tono dell'anno. Vediamo quindi che nella prima parte dell'anno di rivoluzione (compleanno 2010-compleanno 2011), Mercurio è stato Maestro dell'anno, seguito poi da Venere (già attiva da tempo al momento della morte).  In FIGURA 6, vediamo Venere, secondo Maestro dell'anno, nei pressi di Marte, come alla nascita; in questo caso, però, Venere è in esilio, nel segno e nei confini di Marte, come Saturno radix. Venere è quindi in aspetto in rivoluzione con un malefico (Marte), sovrapponendosi anche al malefico maggiore del tema di nascita (Saturno). In FIGURA 7, la comparazione tra il tema di rivoluzione 2010 e il radix; il cerchio blu indica la sovrapposizione tra il Maestro dell'anno e i malefici.

Stabilita l'importanza - in negativo - della sovrapposizione tra il Maestro dell'anno e i malefici, passiamo alla valutazione delle direzioni primarie calcolate sul tema di rivoluzione (FIGURA 8): la Luna di direzione (cerchio arancione) è in quadratura a Marte di rivoluzione, che riceve anche la direzione del Sole (cerchio rosso); Marte di direzione (cerchio rosso a 12° Sagittario), si sovrappone alla Luna di rivoluzione, mentre Saturno, a 12° Scorpione, è nei pressi di Venere (Maestro dell'anno) e di Saturno radix. In FIGURA 9, vediamo nei cerchi tratteggiati di colore blu il Sole e Marte di direzione raggiungere - rispettivamente - Marte e Luna di rivoluzione. Poco al di sotto dell'orizzonte, si nota Saturno di direzione prossimo al completamento dello scarto direzionale a Venere di rivoluzione. 

In FIGURA 10, per concludere, possiamo valutare i transiti del giorno della morte: la coppia Luna-Giove di transito in Toro si oppone a Saturno radix, mentre Saturno di transito quadra per segno la posizione della Luna di nascita; Marte di transito è in quadratura al Sole di nascita, il Sole di transito in quadratura a Saturno di nascita e Saturno di transito in controparallelo di declinazione al Sole natale: la preponderanza dei malefici è evidente e accompagna la fine della vita della cantante.

Contattaci

Associazione Culturale Medio Cielo - Torino

© Copyright Associazione Culturale Medio Cielo 2010- 2019.

Cerca