Il sistema previsionale utilizzato da Luca Gaurico

GauricoIl manoscritto (Codex Vindobonensis Palatinus 7433, tradotto da Rumen Kolev) dedicato da Luca Gaurico ai pronostici per Ferdinando I relativi agli anni dal 1532 al 1535, mostra nel dettaglio il sistema previsionale adottato dal vescovo cattolico e astrologo, consultato dai potenti dell'epoca. 
Ferdinando I (10 marzo 1503 – 25 luglio 1564 – FIGURA 1), Imperatore del Sacro Romano Impero e Arciduca d’Austria, negli anni dal 1532 al 1535 si trovò in gravi difficoltà per le mire espansionistiche di Solimano il Magnifico (6 novembre 1494 – 6 settembre 1566 – FIGURA 2): a causa delle notizie relative alla preparazione di un grande esercito diretto verso Vienna, Ferdinando I si rivolse appunto a Luca Gaurico (1476-1558), probabilmente l’astrologo più noto dell’epoca, per ottenere dei pronostici sul proprio destino. Nel manoscritto indirizzato a Ferdinando I (di 46 pagine e contenente le rivoluzioni solari e quelle mensili) si trovano testimonianze precise del metodo previsionale usato da Gaurico, che può essere riassunto così:

Sistema zodiacale: tropico (tolemaico)
Direzioni primarie: tolemaico-placidiane (semi-archi)
Confini: tolemaici
Profezioni annuali: incremento di 30° zodiacali annuo a partire dall'Ascendente
Tema annuale: rivoluzione solare (tropica, non siderale)
Profezioni mensili: 13 per ogni anno (la prima e l'ultima della serie coincidono con quella dell'anno)
Tema mensile: 13 per ogni rivoluzione, calcolate a intervalli di 28 giorni, 2 ore e 18 minuti.
Sistema di domificazione: Regiomontano
Distribuzione dei giorni al dominio dei pianeti (Cronocratori): sistema di Firmico (Libro 2, Capitolo 29)

A titolo di esempio si veda la Rivoluzione Solare del 1532 (FIGURA 3): il dominio sull’anno viene attribuito a Marte, Maestro dell’Ascendente di profezione nel segno dell’Ariete. I confini indicati di fianco a destra degli elementi di direzione (in alto a sinistra, nella figura) si sovrappongono a quelli tolemaici. Partendo dalla rivoluzione solare, è possibile calcolare quelle mensili aggiungendo 28 giorni, 2 ore a 18 minuti a quella precedente.
Nella rivoluzione mensile (costruita per il periodo dal 18 novembre al 15 dicembre 1532 – FIGURA 4) vediamo l’indicazione di Saturno come M°, dominando quest’astro l’ascendente di profezione mensile corrispondente (nell’indicazione di Saturno come Maestro della profezione mensile anziché di Giove, si trova conferma della scelta del sistema che consisteva nel far progredire l’Ascendente di profezione di 30° per ogni periodo di 28 giorni, 2 ore e 18 minuti - FIGURA 5, anziché quello placidiano – FIGURA 6).
Nel manoscritto, descrivendo la rivoluzione solare del 1533 (sotto il dominio di Venere), Gaurico utilizza il sistema della divisione dell’anno tra i pianeti, effettuato a partire dal M° di profezione e passando per gli altri pianeti secondo la loro successione zodiacale nel tema di rivoluzione. Nell’esempio relativo alla rivoluzione solare del 1532, avremmo dovuto distribuire i giorni tra i pianeti secondo quest’ordine:

Marte 36, Saturno 85, Giove 30, Mercurio 57, Sole 53, Venere 33, Luna 71.

La sequenza ha preso il via da Marte perché M° dell'anno ed è proseguita con Saturno, Giove e così via, secondo la disposizione dei pianeti nei segni nel tema di rivoluzione (Saturno segue Marte, Giove viene dopo Saturno, ecc.).

I valori riportati nella tabella seguente e utilizzati da Gaurico, derivano da quelli dei periodi minori degli astri, moltiplicati per 2,83 (risultato del rapporto tra 365,25 e 129, somma dei periodi planetari).

Il numero dei giorni da distribuire tra i pianeti 

Pianeta

Periodo minore

Numero giorni

 

Saturno

30

85

Giove

12

30

Marte

15

36

Sole

19

53

Venere

8

33

Mercurio

20

57

Luna

25

71

SOMMA

129

365

Contattaci

Associazione Culturale Medio Cielo - Torino

© Copyright Associazione Culturale Medio Cielo 2010- 2019.

Cerca